Schindler biografia

Oskar Schindler | Vita, morte e ricordi storici.

Durante l'Olocausto, Oskar Schindler, industriale tedesco e membro del Partito Nazista, salvò la vita di 1.200 ebrei impiegandoli nella sua fabbrica di oggetti smaltati e munizioni, nota come fabbrica di Schindler, nella Polonia occupata e nel Protettorato di Boemia e Moravia. Inizialmente spinto dal profitto economico, Schindler imparò a guardare oltre l'ideologia nazista e a riconoscere la sofferenza degli ebrei. L'Arca di Schindler, un romanzo del 1982, e Schindler's List, un adattamento cinematografico del 1993, sono stati entrambi fondamentali per il suo riconoscimento nella cultura popolare.

Chi era Oskar Schindler?

Biografia di Schindler

Il 28 aprile 1908, a Svitavy, in Moravia, nasceva Oskar Schindler, di origine tedesca e cattolica. Dopo essersi diplomato in una serie di scuole commerciali a Brno, Schindler andò a lavorare per l'azienda di attrezzature agricole del padre e sposò Emilie Pelzl nel 1928. Nel 1938 si arruolò nell'esercito cecoslovacco e raggiunse il grado di caporale della riserva. Nel novembre 1939 acquista la Rekord Ltd., un'azienda di oggetti smaltati di proprietà ebrea, approfittando della politica di annessione tedesca. Rinominò l'azienda Oskar Schindler German Enamelware Factory o Emalia. Gonfiando le cifre della produzione, Schindler mantenne lo status dell'azienda di fabbrica di armi. In questo modo, furono salvati circa 1.000 ebrei, ai quali furono risparmiate le atrocità e le brutalità della vita nei campi. Attualmente la fabbrica ospita due musei.

Come visitare la Fabbrica di Schindler
La Fabbrica di Schindler è un'attrazione a pagamento: è necessario acquistare in anticipo i biglietti per visitarla. Prenota online i biglietti.

Visita Guidata Salta la Coda alla Fabbrica di Schindler

Conferma Istantanea
Biglietti per cellulari
1 h 30 min - 2 h
Tour guidato
Altri dettagli +

Biglietti per la Fabbrica di Schindler: Salta la Coda

Cancellazione gratuita
Conferma Istantanea
Biglietti per cellulari
1 h 30 min
Altri dettagli +

Combo (19% di sconto): Miniera di sale di Wieliczka + visita guidata della fabbrica di Schindler

Conferma Istantanea
Biglietti per cellulari
Durata flessibile
Tour guidato
Altri dettagli +
37,76 €

Tour a piedi dedicato alla storia di Oskar Schindler

Cancellazione gratuita
Conferma Istantanea
Biglietti per cellulari
3 h
Tour guidato
Altri dettagli +

Visita guidata al Quartiere ebraico Kazimierz & alla Fabbrica di Schindler

Cancellazione gratuita
Conferma Istantanea
Biglietti per cellulari
3 h 30 min
Tour guidato
Altri dettagli +

Oskar Schindler durante la Seconda Guerra Mondiale

Oskar Schindler rilevò l'impresa "Rekord" a Zablocie sfruttando il potere di fiduciario delle truppe di invasione tedesche. Egli produceva anche proiettili d'artiglieria, per cui la sua fabbrica era considerata una componente importante dello sforzo bellico. Impiegò oltre 1.000 prigionieri ebrei dai campi di concentramento, risparmiando così la loro vita al regime nazista.

Emalia

Biografia di Schindler

Schindler consegnò al suo contabile, Stern, il bilancio di una fabbrica di oggetti smaltati chiamata Rekord Ltd, che aveva dichiarato bancarotta nel 1939 ed era controllata da un sindacato di industriali ebrei. Stern gli consigliò un metodo per avere maggiore indipendenza dai mandati nazisti, compresa la possibilità di assumere altri ebrei. Inizialmente assunse 7 dipendenti ebrei e 250 polacchi non ebrei per questa fabbrica che divenne nota come Emalia. Al suo apice, nel 1944, l'azienda impiegava circa 1.750 persone, di cui un migliaio erano ebrei. Schindler registrò poi questa azienda come unità di produzione di armi e presentò numeri di produzione falsi per giustificare la sua esistenza.

Biografia di Schindler

Così facendo, i lavoratori ebrei dell'Emalia venivano protetti in modo sicuro. Il governatore generale Hans Frank emanò una direttiva il 1° agosto 1940, ordinando a tutti gli ebrei di Cracovia di evacuare entro due settimane. Solo a coloro che lavoravano direttamente per lo sforzo bellico tedesco sarebbe stato permesso di rimanere. Il fatto che Emalia fosse una parte vitale dello sforzo bellico si rivelò un fattore critico nella capacità di Oskar Schindler di proteggere i suoi dipendenti ebrei. Egli chiese esenzioni per gli Schindlerjuden (ebrei di Schindler) ogni volta che erano minacciati di sfollamento. Egli affermò che mogli, figli e persino individui con disabilità erano essenziali per i meccanici e i metalmeccanici.

Sottocampo di Plaszow

Biografia di Schindler

I nazisti iniziarono a spostare gli ebrei dal ghetto nell'autunno del 1941. Schindler rimase scioccato nel vedere che il ghetto veniva smantellato, decidendo così di salvare quanti più ebrei possibile da quel momento in poi. Nel marzo 1943, il campo di concentramento di Paszów fu istituito sul sito di due cimiteri ebraici. Il comandante del campo, l'SS-Hauptsturmführer Amon Göth, era un sadico che giustiziava i detenuti senza un preciso motivo. Secondo il progetto originale di Göth, tutte le industrie, compresa quella di Schindler, dovevano essere trasferite all'interno dei cancelli del campo.

Biografia di Schindler

Con un misto di negoziazione, inganno e corruzione, Schindler non solo evitò che la sua fabbrica fosse trasferita, ma convinse anche Göth a permettergli di creare a sue spese un sottocampo a Emalia per ospitare i suoi lavoratori e 450 ebrei provenienti da altre fattorie vicine. Furono protetti dalla morte arbitraria, adeguatamente nutriti e vestiti e fu loro permesso di praticare la propria religione. Nel 1943, i funzionari sionisti di Budapest raggiunsero Schindler attraverso i membri del movimento clandestino ebraico. Schindler visitò il Paese in più occasioni per denunciare personalmente i maltrattamenti nazisti nei confronti degli ebrei. Raccolse fondi dall'Agenzia Ebraica per Israele e li diede alla comunità ebraica clandestina.

Brünnlitz

Biografia di Schindler

Schindler fu informato dei piani dei nazisti di chiudere tutte le fabbriche che non erano strettamente impegnate nello sforzo bellico, compresa la sua fabbrica di oggetti smaltati. Per preservare la vita dei lavoratori ebrei, Schindler decise di convertire la produzione di pentole in esplosivi anticarro. Schindler usò la corruzione e l'influenza per convincere i funzionari di Berlino a permettergli di trasferire la fabbrica e i lavoratori a Brünnlitz, nei Sudeti, salvando i dipendenti ebrei da una sicura esecuzione nelle camere a gas. Oltre al personale, Schindler trasportò anche 250 carri carichi di attrezzature e merci nella nuova fabbrica.

Biografia di Schindler

Lo stabilimento produceva poche, se non nessuna, munizione d'artiglieria utilizzabile. Quando il Ministero degli Armamenti sollevò dubbi sulla scarsa produzione della fabbrica, Schindler acquistò i prodotti finiti al mercato nero e li presentò come propri. Le razioni delle SS erano inadeguate a soddisfare le esigenze degli operai, così Schindler trascorse la maggior parte del suo tempo a Cracovia per acquistare cibo, munizioni e altre forniture. Emilie, sua moglie, rimase a Brünnlitz, facendo arrivare di nascosto pasti extra e occupandosi della salute dei dipendenti e di altre necessità. Il 7 maggio 1945, Schindler e i suoi dipendenti si riunirono in fabbrica per ascoltare il Primo Ministro britannico Winston Churchill che annunciava alla radio che la Germania aveva ceduto e che la guerra europea era finita.

Oskar Schindler nel dopoguerra

Alla fine della guerra, Schindler aveva speso tutti i suoi guadagni in corruzione e acquisti al mercato nero di provviste per il suo equipaggio. Si recò a Ratisbona e poi a Monaco di Baviera con un budget ridotto, ma nella Germania del dopoguerra ebbe difficoltà economiche. Nel 1949 Schindler si trasferì in Argentina, dove si dedicò all'allevamento di pollame e, in seguito, di nutria (coypu), un piccolo mammifero allevato per la sua pelliccia. Dopo il fallimento dell'azienda nel 1958, lasciò la moglie e fuggì in Germania, dove ebbe una serie di imprese fallite, tra cui una fabbrica di cemento.

Biografia di Schindler

Fuga in Svizzera

Schindler rischiava di essere imprigionato come criminale di guerra perché membro del partito nazista e del servizio di spionaggio Abwehr. Bankier, Stern e altri lavorarono a una dichiarazione da consegnare agli americani che attestasse la sua partecipazione alla salvaguardia delle vite degli ebrei. Per evitare di essere arrestati dai sovietici, Schindler e sua moglie si diressero verso ovest con la loro auto. Seguirono un veicolo che trasportava l'amante di Schindler, Marta, molti operai ebrei e una partita di prodotti del mercato nero. Procedettero a piedi e su rotaia fino a Passau, dove un comandante ebreo americano facilitò loro il viaggio in treno verso la Svizzera.

Biografia di Schindler

Altre iniziative commerciali

Schindler, che quando si trasferì a Ratisbona e poi a Monaco era praticamente indigente, non se la passò bene nella Germania del dopoguerra. In realtà, fu costretto a chiedere aiuto ai gruppi ebraici. Nel 1949, Schindler si trasferì in Argentina, dove sperimentò l'allevamento di polli e successivamente di nutrie, piccoli mammiferi allevati per la loro pelliccia. Dopo il fallimento dell'azienda nel 1958, lasciò la moglie e si trasferì in Germania, dove ebbe una serie di imprese fallite, oltre a una fabbrica di cemento.

Biografia di Schindler

L'eredità di Oskar Schindler

Oskar Schindler, durante la Seconda Guerra Mondiale, si è dimostrato uno dei più grandi esponenti dell'umanità della storia. Si mise in grave pericolo per salvare più di mille prigionieri ebrei che stavano andando incontro a una morte certa. Per fornire i servizi essenziali ai prigionieri affrontò anche enormi difficoltà finanziarie. Il suo contributo non può essere sminuito o dimenticato per i secoli a venire e la sua eredità continuerà a vivere fino a quando non ci sarà l'amaro ricordo dell'olocausto.

Biografia di Schindler

Giusto tra le nazioni

Il 24 giugno 1993, lui e sua moglie Emilie sono stati dichiarati "Giusti tra le Nazioni", un'onorificenza concessa dallo Stato di Israele ai non ebrei che hanno partecipato attivamente al salvataggio degli ebrei durante l'Olocausto. Schindler è uno dei pochi membri del Partito Nazista ad aver ricevuto questa onorificenza, insieme a Karl Plagge, Georg Ferdinand Duckwitz, Helmut Kleinicke e Hans Walz.

Biografia di Schindler

La lista di Schindler

Steven Spielberg ha trasformato il romanzo di Thomas Kenneally L'arca di Schindler nel film Schindler's List del 1993. Liam Neeson fu candidato all'Oscar come miglior attore per il suo ruolo di Schindler nel film, che fu premiato con sette Oscar, tra cui quello per il miglior film. La grande popolarità del film ha portato la storia di Oskar Schindler all'attenzione mondiale.

Biografia di Schindler

I cimeli

Nel 1997, nella soffitta di un appartamento, è stata portata alla luce una borsa appartenente a Schindler, con fotografie e documenti storici. All'inizio di aprile del 2009, gli operai che cercavano tra le scatole di oggetti raccolti dallo scrittore Thomas Keneally hanno scoperto un duplicato in carta carbone di una versione dell'elenco presso la State Library of New South Wales. Nell'agosto 2013, un'asta online ha offerto un documento di una pagina firmato da Schindler il 22 agosto 1944.

Domande frequenti - Biografia di Schindler

D. Chi era Oskar Schindler?

R. Oskar Schindler era un industriale tedesco e un membro del Partito nazista a cui si attribuisce il merito di aver salvato la vita di 1.200 ebrei durante la Seconda guerra mondiale.

D. Che cos'è la fabbrica di Schindler?

R. La fabbrica di Schindler è una fabbrica di oggetti smaltati e successivamente di munizioni che Oskar Schindler utilizzò come copertura per dare rifugio dal regime nazista a oltre mille ebrei.

D. Il film Schindler's List è basato sulla vita di Oskar Schindler?

R. Il film Schindler's List è basato sul romanzo Schindler's Ark di Thomas Keneally che racconta la vita di Oskar Schindler.

D. Che cosa fece Oskar Schindler?

R. Durante l'Olocausto, Oskar Schindler, industriale tedesco e membro del Partito nazista, salvò la vita di 1.200 ebrei impiegandoli nella sua impresa di oggetti smaltati e munizioni nella Polonia occupata e nel Protettorato di Boemia e Moravia.

D. Come morì Oskar Schindler?

R. Oskar Schindler morì per insufficienza epatica il 9 ottobre 1974. È l'unico membro del Partito nazista ad essere stato sepolto sul Monte Sion di Gerusalemme.

D. Posso visitare la fabbrica di Oskar Schindler?

R. Sì, è possibile visitare la fabbrica di Oskar Schindler.

D. Cosa successe a Oscar Schindler dopo la guerra?

R. Dopo la guerra, Oskar Schindler dovette lasciare la Germania per la Svizzera per evitare di essere catturato dall'Armata Rossa. In seguito chiese il rimborso delle spese di guerra. In seguito, emigrò in Argentina e avviò diverse imprese, tutte fallite. Nel 1963 dichiarò bancarotta.

D. Schindler's List è una storia vera?

R. Sì, Schindler's List è basato sulla storia vera di Oskar Schindler.

D. Dove si trova la tomba di Oskar Schindler?

R. La tomba di Oskar Schindler si trova nel cimitero francescano cattolico di Mount Zion a Gerusalemme.